Ciao e benvenuto/a nel blog di DesyUP, l’alternativa facile e divertente a imbarazzanti terapie di coppia e fughe romantiche decontestualizzate e non durature, per aumentare il desiderio sessuale e riconnettersi eroticamente. Abbiamo letto nell'articolo dedicato al desiderio sessuale, che quest'ultimo può essere suscettibile di cali, mancanza totale o aumento. In questo articolo scriviamo informazioni sul calo del desiderio, utili a comprendere perchè capita, quando, e a chi. Il calo del desiderio sessuale o della libido è una condizione in costante aumento nel rapporto di coppia ed interessa uomini e donne di ogni età. Questo disturbo è spesso momentaneo e legato a differenti cause, specie ormonali, sebbene vi sia la errata tendenza ad associare il calo del desiderio sessuale alla fine della propria relazione o alla mancanza di attrazione verso la persona con la quale si vive il rapporto amoroso. Non è infrequente che il calo del desiderio venga accompagnato anche da altre manifestazioni, come inappetenza, risvegli notturni, manifestazioni cutanee, gonfiori addominali, con ripercussioni sul piano psicologico e sociale.

 

 

Calo desiderio sessuale maschile

Il desiderio sessuale maschile può subire sia un calo che un aumento, oltre a una mancanza totale di appetito sessuale. Sono diversi i fattori che portano l'uomo a subire un calo nella voglia di avere rapporti intimi. In linea di massima i cali del desiderio nell'uomo sono di natura ormonale, psichica e fisica, e possono essere suddivisi anche in fattori esterni all'uomo o interni. Quando è l'uomo a dire di no ai rapporti sessuali le motivazioni possono essere sensibilmente diverse rispetto a quelle femminili. Il calo della voglia di sesso maschile è maggiormente legato a fattori non solo ormonali ma anche a quelli fisiologici o psicosomatici. Pertanto, molto spesso, l'origine della mancanza di eccitazione maschile si riconduce oltre che a problemi strettamente ormonali e vascolari, anche alla comune ansia da prestazione, stress, incapacità di perdonare un episodio di infedeltà ed altri fattori meramente emotivi.

Calo del desiderio: uomo a 50 anni

La perdita del desiderio nell'uomo può camminare di pari passo con l'avanzare dell'età. La sessualità maschile inizia a svilupparsi durante il periodo della pubertà, manifestando il massimo picco fino a 40 anni. Generalmente, al raggiungimento dei 50 anni l'uomo tende a soffrire di un calo del desiderio per una naturale riduzione del testosterone. In questi casi si parla di ipogonadismo che può sfociare, fra le altre patologie, nella più comune disfunzione erettile.

 

Calo del desiderio maschile, rimedi naturali

Una sfera sessuale appagante è certamente collegata con uno stile di vita sano il quale, ad esempio, includa attività fisica, sana alimentazione, assenza di fumo, alcool e droghe. Oltre alle buone abitudini quotidiane esistono anche numerosi rimedi naturali per contrastare e combattere il calo del desiderio maschile, quali l'assunzione, previo consiglio medico, di specifiche erbe medicinali come passiflora, ginseng peruviano, muira puama, maca e molte altre piante erbacee. I rimedi naturali agiscono sull'adeguamento ormonale, anche per problemi che investono la disfunzione erettile.

Calo desiderio sessuale femminile

A differenza di quello maschile, il desiderio sessuale femminile è un processo più complesso, che spesso nasce in modo più mentale che fisico. Anche nella donna però, il desiderio sessuale può subire cali, aumenti o mancanza totale. Seppur anche nella donna un calo del desiderio può verificarsi per questioni ormonali, il fattore mentale gioca un ruolo fondamentale. Lo si evidenzia soprattutto quando fisicamente la donna attraversa determinate condizioni come la gravidanza. Nonostante non manchi l'amore verso il partner, molte donne si trovano nella condizione in cui si affievolisce il desiderio sessuale, in modo conseguente a litigi, dissapori, critiche, giudizi negativi da parte del partner che portano la donna a percepire queste emozioni negative in modo personale, facendo svanire inconsciamente la voglia di fare l'amore col partner. Seppur anche per questioni ormonali, anche quando una donna è incinta o in menopausa, ella può subire un calo nel desiderio per questioni prettamente mentali. Ad esempio in gravidanza, la donna ha un calo nel desiderio per paure, ansie, preoccupazioni sull'imminente parto o sulla salute del bambino.

Calo del desiderio in menopausa

Quando una donna giunge alla menopausa, mediamente all'età di 50 anni, spesso si ritrova a vivere la propria sessualità in maniera insolita, avvertendo un assopimento del desiderio. La causa è spesso di natura ormonale, ricondotta ad una diminuzione degli estrogeni e del progesterone. Anche il calo del testosterone gioca un ruolo determinate nella sfera sessuale femminile, incidendo sulla lubrificazione vaginale e sull'eccitazione.

Calo del desiderio in gravidanza

Si può verificare un calo del desiderio sessuale in gravidanza nel primo e terzo trimestre in cui la donna è in dolce attesa. Non solo per questioni ormonali, nel primo trimestre di gravidanza, la donna è meno propensa a volersi relazionare con l’uomo, per fattori psichici e fisici. Il corpo improvvisamente cambia e nei primi tre mesi di gravidanza la rivoluzione è la più significativa e rilevante. Possono infatti verificarsi episodi di forte nausea e stanchezza ma soprattutto in una donna vige la costante preoccupazione che aver rapporti possa compromettere la salute del bambino. Il calo del desiderio nelle donne in dolce attesa, si verifica anche nel terzo trimestre, quando le condizioni fisiche mutano e il pancione aumenta di dimensioni, e la mente della futura mamma è offuscata da ansie e preoccupazioni per il parto imminente, oltre che per la salute del proprio bambino.

Calo del desiderio femminile: cause

In un tempo non molto lontano si credeva che la sessualità femminile fosse immune dal calo della voglia di sesso e probabilmente per indole della donna a non parlare con nessuno di questo problema. La donna, al pari dell'uomo, può essere colpita dal calo del desiderio per tante cause, non necessariamente riconducibili alla sfera sessuale. L'assunzione di farmaci, un regime alimentare errato, scarsa attività fisica, la mancanza di intimità dovuta alla presenza dei figli, problemi o conflitti familiari e persino un uso smodato dei social network sono soltanto alcuni fattori che possono scatenare una riduzione del desiderio sessuale nella donna.

Calo del desiderio femminile: cause ormonali

Erroneamente si ritiene che la diminuzione di ormoni, tra cui il testosterone, capaci di incidere sulla mancanza di desiderio, riguardino solo le donne mature o che affrontano la menopausa. Invece, una riduzione degli ormoni del desiderio può interessare anche ragazze, scatenando una scarsa voglia di fare l'amore pure in giovane età. Spesso, infatti, l'assunzione di pillole ormonali, come quelle per combattere l'acne o regolare il ciclo mestruale, possono determinare un'azione antitestosterone fino alla scomparsa del desiderio.

 

 

 

Calo del desiderio femminile 40 anni

Al compimento dei 40 anni si ritiene che la donna dia il meglio di se e che non soffra di alcun disturbo sessuale ma che al contrario il desiderio raggiunga il culmine, inaugurando una sorta di seconda fase delle giovinezza. Tuttavia, intorno ai 40 anni, molte donne si preparano alla menopausa e possono inziare a soffrire della minor produzione di progesterone, con conseguente prevalenza di estrogeni e ripercussioni persino sulla tiroide. In questa fase la donna può altresì subire i disagi dovuti dall'azione di ulteriore ormoni come l'insulina o la ghrelina, provando tutti i disagi tipici delle disfunzioni ormonali che agiscono anche sul calo del desiderio.

Posted in Desiderio Sessuale By

info@desyup.it info@desyup.it